Caffè e sapienza – di Antonio


Seguendo l’aroma del caffè, puoi girare il mondo, tale è il consenso che la nera bevanda riscuote, ma l’espresso, nessuno me ne voglia, ha dimora in una piccola fascia tra Napoli e Salerno, oltre infiacchisce o s’adira, ed infine cede a blandi infusi che soverchiano il colmo e dilavano il gusto. Se la sorte o il capriccio ti conducono a questi lidi, vai oltre l’ampie vetrate del bar sul corso, dove schiere di dolciumi seducono le signore impegnate nel tè ciarliero del meriggio, in una angolo un po’ riposto, nell’arco d’un vecchio portale, o nella luce breve fra i pilastri, un fitto sciame di devoti varca l’uscio d’un antro di sibilla, un incavo che più o meno s’affonda nel ventre dell’edificio, e che fin da principio dichiara la sua vocazione nell’aroma della miscela che t’accoglie già oltre la soglia. Qui un novello Ermete Trismegisto, con sapienza d’alchimista, armeggia la nera polvere tra i filtri, celando segreti al mondo negli sbuffi di vapore che s’alzano dalla macchina, finché la nera pozione sia breve e cremosa o lunga e persistente secondo il suo volere, ed il giorno sminuzza nel breve tempo della leva che risale la sua corsa. In questi angusti budelli si rinnova un esercizio di cortesia nel garbato andirivieni dei clienti che s’alternano al banco e da sé disciplinano le fila in efficienti manovre, ché non di rado, pel poco spazio, s’inciampa nell’altrui sorriso, ed i volti nuovi ci sono già familiari, ed al cliente che protesta per lo zucchero nel caffè, a lui che da sempre lo prende amaro, il barista ribatte “Dottò, la vita è amara, il caffè prendetelo dolce!”.

  1. Ho provato a immaginare una voce calda, pacata e sorridente, ché questo piccolo brano mi necessita d’accompagnamento sonoro a perdermi in magie e riti.
    Che bello che sarebbe l’ascoltare la lettura da parte d’un Massimo Dapporto o d’un Gazzolo

  2. * aitan: direi che sono in ottima compagnia 🙂
    * cybbolo: wow, questo davvero sarebbe un onore, immeritato, ma assai gradito. Con Nando Gazzolo attingi a memorie per me indefinite, lo ritrovo sempre da qualche parte dei miei ricordi d’infanzia, ché talvolta neanche saprei dire dove.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...