Lieve, molto lieve (soundtrack: Bevinda) – di Aitan

Marrakesh. Siamo seduti al tavolino di un bar occidentale. Loro parlano e io non capisco niente, o quasi niente, e neanche ho voglia di impegnarmi a capirci qualcosa. Le voci funzionano come un tappeto sonoro, come noise off, come il rumore del traffico. Dentro di me, le loro parole si rincorrono ritmicamente, come se si ripetesse incessantemente il medesimo suono. Sarà che io riconosco sempre le stesse sillabe scandite da un tempo in cerca di assonanze. Forse il mio silenzio e la penna che scorre sul foglio sono le uniche note stonate di questo concerto senza strumenti né orchestrali.
Eppure, se da un momento all’altro i caratteri della mia scrittura acquistassero voce, se cominciassero a risuonare magicamente con le loro parole, ne verrebbe fuori una nuova cosa. Ma cosa non so, e neanche voglio saperlo.
Leve, leve, muito leve,
Um vento muito leve passa,
E vai-se, sempre muito leve.
E eu não sei o que penso
Nem procuro sabê-lo.
Poi Ahmed si gira verso di me, sorride e mette la mia cassetta nell’apparecchio. Ben prepara un kif, Rachid l’accende e me lo passa; e l’atmosfera cambia dimensione.
Lieve, lieve molto lieve,
Un vento molto lieve passa,
E se ne va, sempre molto lieve.
E io non so cosa penso
E nemmeno cerco di saperlo.
Mischiando francese e inglese mi dico ad alta voce che d’ora in avanti nessuno di noi potrà più restare indifferente se gli riferiranno dalla televisione che c’è stato un terremoto in Lazio o un’invasione del Gharb. Nessuno di noi potrà più sentire estranee le vicende dell’altro, dopo aver condiviso tanti posacenere. “E se qualcuno lo dimenticasse, che si dimentichi anche di far parte della razza umana, e se ne vada a pisciare sui muri e a mangiare con il grugno infilzato nella ciotola”, urlo in italiano. “Se ne vada a leccare prono e affettuoso la catena che lo rende schiavo, se così gli piace. Oppure, preso dalla dimenticanza, si scordi pure di alimentarsi e muoia d’accidia come chi porta a spasso il suo fottuto cadavere.”
Moh spegne la cicca e cominciamo tutti a ridere fragorosamente, fino a coprire il suono del mangianastri.
E io non so cosa penso
E nemmeno cerco di saperlo.

  1. Esiste, talvolta, una densità nella levità che nessun peso e nessuna profondità potrebbe eguagliare. Leggerezze che sono musiche; ceneri, fumo che sembrano, per un attimo, farsi fondamenta di un mondo, sorreggerlo sulla punta delle dita e farlo volteggiare, vagheggiare come un esistente diverso. Che poi sparisce, svanisce nel dissolversi della scrittura, di una strofa, di una storia, ma lascia un’eco. Come il suono incancellabile di un frastuono da bar.

  2. Mischiando francese e italiano…

    …puis , quando ho digerito
    i miei sogni con cura,
    je me tourne (ho già bevuto trenta o quaranta birre)
    mi concentro, pour lâcher il mio aspro bisogno :
    mite comme le Seigneur del cedro e dell’issopo,
    je pisse nel cielo bruno, altissimo e lontano,
    riscuotendo l’assenso des grands héliotropes.*

    bisousàlapression!

    *da “Oraison du soir” Rimbaud

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...