Fascino di triste bar (con sberleffo facoltativo finale) – di Cybbolo

Una luce ghiacciata spiove come falsa grazia santificante ad illuminare disordine accatastato di casse di birra e bottiglioni.

Eppure sono sempre qui, ogni mattina, presto.

Sento granulare le suole sulla segatura e mi guardo intorno.

Pochi saccottini scongelati, bruciacchiati da disattenzione, galleggiano tristemente, ripieni di crema o cioccolata, come stronzi in un mare di salviettine di carta che fanno l’onda nell’acquario della bacheca opaca.

Il bancone è un check-in aeroportuale: caramelle, cioccolatini, gomme, liquirizie, tutto rigorosamente del cretaceo, sparso in contenitori che sono contenuti da altri contenitori.

Si prende il caffè stringendosi nelle spalle.

Eros, il padrone, è enorme, peloso, e perennemente incazzato col mondo, forse per un antiestetico porro nasale.

Guarda male te che prendi il caffè, i passanti oltre la vetrina, le bottiglie di moscato di fichi secchi a due euro all’ettolitro, allineate in alto su mensole polverose.

Guarda malvagiamente il primo videotossico della mattina.

Cling, cling, cling.

La slot divora gettoni come una benna: il videotossico smadonna sommesso e insiste, ed Eros ghigna.

Ogni tanto, però, la macchinetta s’iscrive al concorso “Slots dal cuore buono per Natale” e vomita un carrello di gettoni sorridendo con la feritoia.

Il beneficiario batte le mani, felice, regredendo a fase prepubere, ed Eros fa un balzo su nel grafico esistenziale dell’indice d’incazzatura.

Sbuffa fastidio con vapore anche la macchina del caffè.

Gente, poca, in questo bar triste.

Cattivo caffè acquoso e antipatica compagnia.

Però: c’è Lavinia.

Lavinia occhi verdi.

E’ la ragazza che ha seminato la segatura e che ora passa lo straccio.

E’ lei la barista, quando Eros si siede accigliato alla cassa e legge il giornale con un occhio solo.

Sorride sempre e spalanca innocente gli occhi come una faccina di Yahoo.

Ed il bar s’accende d’altra luce a smalto di denti luminosi.

E il caffè è più buono.

E la slot sembra un’orchestrina caraibica con la segatura che diventa sabbia fine.

Lavinia ti guarda con ciglia da cerbiatto, sorride, e ti chiede con occhi ammiccanti di ritornare domani a prendere il caffè, ché aspetta solo te per ritornare a sorridere.

 

Lavinia ti guarda con ciglia da cerbiatto, sorride, e ti chiede, a voce bassa d’adescamento:

“Com’è ‘sto caffè, oggi?

J’o dico sempre a Erose che bbisogna taralla mejo, la machinetta, ma quer cornutaccio vole solo guadambià…”

Ha una voce che sembra la sorella di Topo Gigio con la raucedine.

E sorride.

Meno bianca.

Meno bella di quando tace.

Parecchio.

 

Domani cambio bar.

  1. L’assortimento dell’offertà e la sua età mi ricordano il mitico bar Sport di Benni: con la pastarella “Luisona” archetipo di ogni cib(av)ariato da bar.
    Ma per fortuna che c’è Lavinia… purché taccia 🙂

    (bello Cybbolo, bello)

  2. è il bar, che è un archetipo assoluto. incarna una forma di coraggio e una di vigliaccheria, assieme. una forma di distanza e una di presenza. una forma d’ignoto e una di rassicurazione.
    tutto può succedere, e niente può succederti, al bar.

  3. se non c’è sberleffo te non ti diverti 🙂
    che la vita è proprio così che ci porta in marameo di mano.
    qualcosa che ti sorprende ogni volta che credi di avere capito.

    e ora faccio un giro tra i tavoli.

    p.s.
    fare la – o il – barista per me è uno dei lavori più interessanti e belli di questo mondo.

  4. oh, Eros: come si fa a intristirsi per qualcosa che una zaffata di azoto liquido non possa risolvere?

    bello cyb, e bravo il racconto

    ps: sai che Coli Farrel con voce gallinacea mi risulterebbe sensuale come una pietra di fiume? Ma guarda te

  5. stile inconfondibile, anche per la sorpresa.
    perchè già stavo a pensà “eccallà, la fata del bar, onnipresente figura sbrindellata e poetica..”, che me l’hai fatta fuori. Bravo, Cyb, questo è stile.

  6. Cyb, ti dovrebbe illustrare Will Eisner, a volte– oggi passo qui, dall’Amalia, e mi prendo del tempo per trovare le voci- Sto girando, mi fermo, esco fuori e rientro. Sai, Cyb, questo vostro è il più bello che abbia visto negli ultimi tempi.

  7. Che sia quella vorace benna ad istigare l’accostamento?

    [Cyb ti svelo un segreto: in questa bella compagnia, forse sono l’unico a non aver mai letto Benni. Ma dev’essere uno veramente bravo, se viene accostato al tuo post!]

    undy

  8. Ho sempre sospettato che dietro quella facciata da lacchè ci sia un nome noto, insomma uno scrittore BEN NItido,,,per intenderci!
    Il sospetto nasce dal fatto che i bar sono i palcoscenici da te preferiti per sciorinare le tue storie…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...